Le lenti progressive per i bambini.

Cosa significa ipermetropia

Sicuramente avrai sentito parlare dell’ ipermetropia chiedendoti cosa significa. Si tratta di una ametropia oculare in cui l’ immagine di un oggetto lontano va a fuoco oltre la retina, a causa della gradazione ottica dell’ occhio insufficiente o del bulbo oculare troppo corto.

Quando abbiamo un’ ipermetropia la visione da lontano di solito è nitida, poiché l’ occhio ipermetrope può accomodare il cristallino per correggere il difetto visivo, mentre quella da vicino è offuscata e faticosa perché lo sforzo accomodativo è notevole. Infatti, ogni volta che accomodi crei uno sforzo per l’ occhio.

Se non correggi l’ ipermetropia affatichi i tuoi occhi tutto il giorno, e questa fatica aumenta quando leggi, o svolgi qualsiasi attività a distanza ravvicinata.

Di solito se hai un’ ipermetropia bassa vedi bene da lontano e l’ accomodazione necessaria per compensare questa ametropia non causa fastidio perché è poca.

Puoi avere un poco di stanchezza alla sera, ma spesso non avverti una necessità urgente di intervenire. Al limite hai bisogno di un occhiale da riposo che ti faccia accomodare meno quando leggi o sei al computer, o da usare quando guidi di sera o al cinema per migliorare la visione dei dettagli e il comfort visivo.

Se hai un’ ipermetropia alta vedi male anche da lontano, perché l’ accomodazione non è sufficiente a mettere a fuoco le immagini, inoltre avrai un affaticamento visivo notevole che condizionerà le tue attività quotidiane.

Quando guardi da vicino la situazione peggiora perché vedi offuscato e la richiesta accomodativa aumenta.  

Ipermetropia nei bambini

L’ ipermetropia si può sviluppare anche nei bambini e nei primi anni di vita è fisiologico essere ipermetropi. Non esiste un’ età precisa in cui l’ occhio di un bimbo diventa ipermetrope, cosi come non esiste uno sviluppo dell’ ipermetropia comune a tutti.

Infatti, durante la crescita questo disturbo visivo può aumentare, stabilizzarsi e a volte diminuire. Come ti accorgi se il tuo bambino è ipermetrope? Ascoltandolo!

Di solito i bimbi ipermetropi lamentano stanchezza, affaticamento visivo e mal di testa a fine giornata, perché accomodano in continuo.

Il loro sistema accomodativo è molto elastico, ma lo sforzo prolungato per mettere a fuoco da lontano sommato a quello per vedere bene da vicino provoca fastidi alla sera.

Se tuo figlio legge con difficoltà o ti dice che a volte sfuoca le immagini, possiamo sospettare un’ ipermetropia. L’ ipermetropia insorge sia nell’ infanzia che nell’ adolescenza.

I disturbi visivi dei bambini ipermetropi

Se tuo figlio si lamenta per il mal di testa o per la fatica a leggere e a studiare, oppure se arriva a sera molto stanco, significa che può essere ipermetrope.

Dopo una giornata trascorsa ad accomodare per cercare di vedere bene è normale arrivare a sera sfiniti, con gli occhi che fanno male e l’ emicrania.

Un’ altra sensazione comune è sentire gli occhi che “si incrociano” ed anche questo non è per niente piacevole.

Questa sensazione accade perché l’ accomodazione in eccesso aumenta la convergenza degli occhi, quindi fa lavorare di più i muscoli oculari per mantenere la fissazione corretta. Se lo sforzo è eccessivo può nascere una foria.

Un bambino ipermetrope accomoda molto e per tanto tempo, perciò ha questo rischio. Una foria è una deviazione oculare che non si vede perché gli occhi lavorano per compensarla, ma il sistema muscolare lavora molto per mantenere l’ allineamento dei bulbi oculari.

Si tratta di una fatica in più per tuo figlio, che a questo punto soffre spesso di mal di testa e ha una visione non stabile, nel senso che può sfuocare più volte.

Considera che un bimbo ha le braccia più corte di un adulto, quindi quando legge o studia guarda ad una distanza minore. Tutto questo aggiunge altro stress visivo, con le conseguenza che abbiamo detto.

L’ affaticamento visivo, cioè la sensazione di avere gli occhi stanchi, influenza in negativo le attività quotidiane. Se il tuo bimbo ha questi disturbi ha più difficoltà a studiare e a seguire le lezioni a scuola, quindi impara meno.

Anche fare i compiti è più difficile ed è normale che sia così. Pensa a come è brutto trascorrere delle ore con il mal di testa e gli occhi affaticati che sforzano in continuo per cercare di vedere.

Mi sembra chiaro che questo peggiori la capacità di studiare, di essere concentrati e di imparare. La fatica prolungata nel tempo è stressante.

I bimbi giocano molto anche con i tablet e i telefonini e sicuramente anche tuo figlio passa del tempo davanti a questi dispositivi elettronici che richiedono una messa a fuoco continua.

Con quali risultati? Più stanchezza oculare, più mal di testa e visione instabile e scadente! Inoltre ricordati quello che abbiamo detto sulle forie e su quanto è impegnativo per gli occhi convergere sempre e restare allineati.

Sono sicuro che spesso dici a tuo figlio di non stare sempre davanti al telefonino e fai bene, perché l’ affaticamento continuo e prolungato produce degli squilibri nel sistema oculomotore e nel legame tra l’ accomodazione e la convergenza.

Tutto questo è ancora più problematico se l’ ipermetropia è accompagnata dall’ astigmatismo. In questo caso ci sono due ametropie e tutti i disturbi sono ancora più sentiti.

Immagino le tue paure, ad esempio quella di non trovare una soluzione, di non risolvere il problema. Oppure temi che col tempo la vista di tuo figlio si rovini o peggiori.

Avere una visione scadente e faticosa è frustrante nella vita di tutti i giorni. Ora voglio proporti una soluzione efficace per migliorare la condizione visiva del bambino con tutti i vantaggi che ne derivano.

Le lenti progressive Lifestyle per i bambini

Di solito per correggere un difetto visivo come l’ ipermetropia usiamo gli occhiali con le lenti da vista monofocali positive.

Le lenti correggono l’ ipermetropia per lontano e aiutano anche nella visione per vicino perché rilassano gli occhi facendo accomodare di meno.

Abbiamo detto che il bambino ha un sistema accomodativo molto elastico e le braccia corte, quindi guarda ad una distanza molto ridotta convergendo parecchio gli occhi.

Posso proporti una soluzione più indicata in questi casi. Si tratta degli occhiali progressivi per i bambini con le lenti Lifestyle e ora ti spiego in che modo migliorano la visione e il comfort.

Le lenti progressive sono lenti che variano la loro gradazione ottica lungo la superficie.

Hanno un’ area per la visione per lontano nella zona medio alta, una per il vicino nella zona bassa e un canale di progressione che unisce le due aree e lungo il quale si sviluppa l’ addizione della lente e troviamo le gradazioni ottiche per la distanza intermedia.

Voglio spiegarti perché sono molto utili anche per tuo figlio. Inizio col dirti che le lenti non sono tutte uguali. Una lente monofocale è diversa da una progressiva, di conseguenza sono diversi anche i loro scopi e i risultati che possiamo raggiungere.

Abbiamo parlato delle difficoltà visive e degli stress che può avere tuo figlio, ora parliamo di come risolverli.

Con le lenti Lifestyle di Hoya, azienda leader del settore, tuo figlio ha la correzione ottica per l’ ipermetropia che lo fa vedere bene da lontano e non lo fa accomodare, in più ha un’ addizione nell’ area del vicino che compie parte del lavoro che dovrebbero fare i suoi occhi.

In sintesi accomoda meno e si sforza di meno anche quando è impegnato a distanza ravvicinata.

Ciò significa che risolve o riduce molto il problema dell’ affaticamento visivo e di conseguenza il mal di testa.

Con le lenti Lifestyle controlliamo l’ eccesso di convergenza degli occhi e ciò è molto importante per prevenire le forie, che, ti ricordo, sono delle deviazioni oculari compensate con fatica dal sistema visivo.

Grazie alla sua addizione, Lifestyle riduce la richiesta accomodativa e fa in modo che il bimbo arriva a sera più riposato, rilassato e felice.

Non sforzando più da vicino, tuo figlio svolgerà meglio le sue attività soprattutto i compiti, la scuola e lo studio che sono le più importanti, inoltre avrà un grosso vantaggio anche nello svago e nel divertimento con i videogiochi o con il cellulare.

Lifestyle è ciò che consiglio ai bimbi ipermetropi, soprattutto a quelli con un’ ipermetropia alta che stancano gli occhi tutti i giorni. Si tratta di una lente “speciale” che dà ai bambini ipermetropi il “superpotere” di vedere bene e senza fatica.

Sono sicuro che il rendimento scolastico del tuo bambino migliorerà con queste lenti così come il suo umore.

Ricorda che la qualità della vista incide sempre sulla qualità della vita e non avendo più i fastidi che doveva sopportare il bimbo sarà più felice.

Infine anche se tuo figlio fosse emmetrope e non avesse bisogno di una correzione ottica potrebbe comunque usare le lenti multifocali Lifestyle per bambini, per rilassare l’ accomodazione ed evitare l’ eccesso di convergenza degli occhi quando guarda da vicino.

In questo caso la lente sarà neutra per lontano e con il potere ottico addizionale nell’ area inferiore usata per la distanza prossima.

Consiglio la lente Lifestyle a causa del frequente utilizzo dei dispositivi digitali da parte dei bambini. Puoi scegliere tre materiali diversi delle progressive Lifestyle a seconda del potere ottico delle lenti.

Ti consiglierò quello più adatto per ottenere una lente sottile, leggera e resistente. Sicuramente ti consiglio un trattamento antiriflesso, che rende le lenti più limpide e più belle eliminando i fastidiosi riflessi che si specchiano sulle superfici.

Tra i vari trattamenti di Hoya ti suggerisco l’ antiriflesso LongLife. Sei preoccupata perché tuo figlio è sempre davanti ad uno schermo e spesso ha gli occhi rossi e che bruciano? Tranquilla!

Il trattamento Blue Control assorbe la luce blu emessa dagli schermi digitali e combatte l’ affaticamento visivo e il bruciore.

Inoltre previene l’ insonnia provocata dall’ eccesso di radiazione blu artificiale che colpisce la retina. Si tratta di un filtro indispensabile visto il tempo trascorso davanti agli schermi.

Se tuo figlio gioca con gli amici all’ aria aperta, in campagna o al mare nelle belle giornate di sole puoi scegliere la lente Lifestyle fotocromatica Sensity, così avrai due occhiali in uno, quello da vista e quello da sole.

L’ occhiale fotocromatico è sensibile alla luce, scurisce all’ aperto e torna chiaro al chiuso e di sera, quindi è molto comodo e adatto alla vita dinamica e giocosa dei bambini.

Oppure puoi fare le lenti colorate come un classico occhiale da sole. Come vedi le soluzioni sono tante e il mio compito è quello di ascoltarti, capire le necessità di tuoi figlio e fornirgli la soluzione più adatta e personalizzata per i suoi bisogni visivi.

Davanti ad un mare di lenti diverse che, come dicevamo, non sono tutte uguali, ti fornirò le indicazioni e le spiegazioni su quella migliore per il tuo caso, facendoti risparmiare tempo e denaro.

Fare la scelta sbagliata significa perdere tempo e buttare via i soldi su un prodotto che non funziona, quindi significa rimanere in una situazione di disagio.

Facendo la scelta corretta farai un acquisto utile che risolve i problemi visivi reali di tuo figlio e migliora la sua condizione e la sua vita. Io sono qui per aiutarti.

Basta disturbi visivi! Contattaci per una consulenza

About the Author: Ottica Bianchi Lucia

You May Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published.