Le lenti progressive per i bambini.

A cosa servono le lenti progressive

Le lenti progressive sono lenti a focalità variabile che servono per mettere a fuoco e vedere bene gli oggetti a distanze diverse. Quando abbiamo un difetto visivo come la miopia, l’ ipermetropia o l’ astigmatismo, e siamo anche presbiti, le lenti multifocali sono la scelta più adatta, perché risolvono i vari disturbi visivi in un unico occhiale.

In questo modo evitiamo di cambiare in continuo gli occhiali a seconda di cosa dobbiamo guardare e a che distanza ci serve vedere. Sono lenti con un’ area di visione progettata per il lontano, una per il vicino e un canale di progressione che collega le due aree. Lungo il canale si sviluppa l’ addizione della lente e si trovano le distanze di visione intermedie.

Le lenti progressive sono pensate per gli ametropi presbiti, cioè per persone oltre i 42 anni di età, e costoro rappresentano la quasi totalità del mercato delle lenti multifocali. In alcuni casi è possibile proporre queste lenti anche ai bambini.

I fastidi dei bambini nella visione ravvicinata

Di solito, quando pensiamo ai problemi visivi per vicino, pensiamo ai presbiti. Invece anche i bambini possono aver bisogno di un aiuto. Poiché hanno le braccia corte, i bambini guardano ad una distanza minore rispetto agli adulti quando leggono, scrivono, disegnano e svolgono altre attività, di conseguenza accomodano di più.

Anche se hanno un’ accomodazione molto elastica, questo sforzo visivo prolungato nel tempo può causare dei problemi, come l’ affaticamento visivo e il mal di testa. Nel tempo possono svilupparsi delle forie o delle difficoltà motorie a carico dei bulbi oculari.

Queste derivano da un affaticamento dei muscoli oculomotori e dalla difficoltà di mantenere una fissazione in convergenza prolungata. Inoltre l’ accomodazione e la convergenza degli occhi sono legate tra loro.

Le lenti progressive per i bambini

I bambini non hanno bisogno delle lenti multifocali per vedere bene, perché la loro accomodazione funziona bene, non sono presbiti, quindi non hanno problemi nella visione nitida per vicino.

In alcuni casi possiamo proporre le lenti progressive ai bambini, ad esempio quando vogliamo ridurre il loro stress accomodativo e controllare l’ eccesso di convergenza nella visione per vicino. L’ addizione della lente progressiva riduce la richiesta di accomodazione, di conseguenza riduce anche la stanchezza e la probabilità di sviluppo di una foria.

L’ utilizzo di queste lenti è consigliato nel caso di un bimbo ipermetrope, particolarmente soggetto a sforzi accomodativi se l’ ipermetropia è alta, e nel caso di un bimbo con una foria indotta da uno sforzo di fissazione prolungato.

Anche i bambini miopi, che per vedere da vicino tolgono gli occhiali, potrebbero usare queste lenti per rilassare l’ accomodazione, evitando di togliere e mettere in continuo gli occhiali soprattutto a scuola, se devono guardare la lavagna e il quaderno.

In alcuni casi queste lenti sono state usate per contenere la progressione miopica nei bambini, ma per questo scopo ci sono delle lenti specifiche che controllano l’ aumento della miopia. Infine anche il bimbo emmetrope, che non ha bisogno di una correzione ottica, può usare le lenti multifocali per bambini per rilassare l’ accomodazione quando guarda ad una distanza prossima.

La lente sarà neutra per lontano e con il potere ottico addizionale nell’ area del vicino. Questo tipo di lente è utile a causa del frequente utilizzo dei dispositivi digitali da parte dei bambini.

L’ utilizzo di questi strumenti unito agli impegni scolastici fa in modo che i bimbi trascorrano molte ore al giorno guardando da vicino e quindi sforzando l’ accomodazione e il sistema oculomotore. Un’ altra soluzione sono le lenti a supporto accomodativo.

I trattamenti per queste lenti

I trattamenti applicabili su queste lenti sono gli stessi che si applicano sulle lenti “da adulti”. Possiamo fare un antiriflesso, un filtro contro la luce blu e un filtro contro i raggi UV, inoltre si può anche scegliere la versione fotocromatica o da sole.

Basta disturbi visivi! Contattaci per una consulenza

About the Author: Ottica Bianchi Lucia

You May Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *