L’ astigmatismo alla guida, i suoi problemi e le sue soluzioni.

Cos’ è l’ astigmatismo

L’ astigmatismo è un difetto visivo dell’ occhio, che provoca una visione sfuocata a tutte le distanze. Il termine astigmatismo significa la mancanza di un punto preciso di messa a fuoco delle immagini sulla retina, infatti un occhio astigmatico genera due linee focali separate e perpendicolari tra loro.

Spesso gli astigmatici lamentano una visione obliqua, come se le linee diritte apparissero inclinate, e in ogni caso non hanno mai una percezione nitida e definita delle immagini.

Se l’ individuo non risolve il suo astigmatismo non avrà un’ acuità visiva ottimale, ne per lontano ne per vicino. Inoltre la visione offuscata genera facilmente il mal di testa e l’ affaticamento visivo.

I rischi dell’ astigmatismo alla guida

Quando siamo alla guida la nostra visione deve essere attenta e precisa per tutelare la sicurezza nostra e delle altre persone. Vedere bene è una condizione essenziale per guidare un veicolo e soprattutto alla sera o di notte le immagini devono essere nitide e definite.

Un soggetto astigmatico spesso ha dei problemi visivi al volante, che di conseguenza compromettono la sicurezza. Se ha un astigmatismo basso, questi disturbi visivi sono avvertiti di solito solo col buio o con il brutto tempo, mentre in una giornata di sole la vista è abbastanza buona.

Se l’ individuo ha un astigmatismo alto, allora l’ offuscamento visivo c’ è sempre e può diventare pericoloso, inoltre di notte la condizione visiva peggiora ancora di più, aumentando molto il pericolo di incidenti.

Oltre all’ acuità visiva ci sono altri fattori importanti da considerare quando siamo alla guida e sono la sensibilità al contrasto, la percezione delle distanze spaziali e la luminosità ambientale.

Correggere l’ astigmatismo per guidare in sicurezza

L’ astigmatismo viene corretto con le lenti monofocali, che in questo caso sono sferotoriche. Poiché parliamo di guida serve un occhiale per lontano, oppure un occhiale progressivo se il soggetto è anche presbite e ha difficoltà a vedere il cruscotto dell’ auto.

Di sicuro è bene scegliere le lenti antiriflesso per eliminare le specchiature e avere una visione molto più limpida. Le lenti classiche funzionano bene come sempre, ma per migliorare le prestazioni visive alla guida sono nate delle lenti specifiche con dei trattamenti particolari, come le lenti EnRoute di Hoya.

Queste lenti, studiate per chi percorre molti chilometri, sono sia monofocali sia multifocali, a seconda delle esigenze soggettive. Un’ altra soluzione possibile è la lente monofocale astigmatica gialla. La lente gialla è l’ unica lente colorata idonea alla guida notturna, perché aumenta tantissimo la luminosità ambientale.

Nelle situazioni più difficili, come ad esempio con la nebbia, questa lente migliora il contrasto e la percezione della profondità dello spazio. Un altro sistema correttivo sono le lenti a contatto, in questo caso toriche, che liberano dall’ ingombro della montatura e offrono il campo visivo totale.

Qui la scelta varia tra quelle giornaliere o mensili e tra quelle rigide o morbide, a seconda della frequenza di ricambio e dei materiali usati, considerando la situazione personale di ciascun portatore, il suo stato refrattivo cioè la gradazione ottica degli occhi, il suo liquido lacrimale e le sue esigenze.

Basta disturbi visivi! Contattaci per una consulenza

About the Author: Ottica Bianchi Lucia

You May Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *