I parametri di una montatura sono importanti, vediamoli insieme!

Cos’ è una montatura

La montatura è lo scheletro dell’ occhiale, la sua impalcatura su cui vengono inserite le lenti da vista correttive o le lenti da sole.

Ci sono moltissimi tipi di montature diverse, per materiali, forme, dimensioni colori e strutture e ogni tipo soddisfa sia i gusti estetici sia le necessità delle persone.

Infatti una montatura può essere di materiale plastico, di metallo, nylor, glasant, quadrata, rettangolare, tonda, a farfalla, nera, colorata e molto altro ancora.

Nel fare un occhiale da vista, o vista-sole, la montatura e la lente sono collegate, poiché dalla scelta di una dipende l’ altra.

I parametri della montatura

Ogni montatura ha dei parametri, cioè delle caratteristiche proprie, di cui bisogna tenere conto quando scegliamo la lente correttiva. Vediamoli insieme.

Dimensione del frontale: la dimensione del frontale è la grandezza della montatura, l’ anello più il materiale, a prescindere dalla sua forma. Ci sono montature di molte dimensioni che si adattano alla grandezza del viso delle persone e alle correzioni ottiche necessarie.

Forma del frontale: è la forma della montatura, che può essere rettangolare, quadrata, rotonda, pantos, a gatto, a farfalla, ecc. Spesso corrisponde alla forma dell’ anello, ma non sempre.

Forma dell’ anello: è la forma dell’ alloggio in cui sono montate le lenti. In base alle ametropie del soggetto dobbiamo considerare la forma migliore per contenere lo spessore e il peso delle lenti. Può essere diversa dalla forma del frontale.

Calibro: il calibro è la dimensione dell’ alloggio della lente ed è importantissimo quando bisogna risolvere un’ ametropia elevata, perchè peso e spessore dipendono anche dal calibro.

Ponte: il ponte è la parte di montatura che unisce i due anelli ed è la parte che appoggia sul naso e lo sovrasta. I ponti hanno dimensioni che variano dai 15 ai 20 millimetri di lunghezza.

Angolo avvolgimento: è l’ angolo di curvatura del frontale della montatura, in breve quanto una montatura è curva. Una montatura con il frontale piatto ha un angolo di avvolgimento minore di una con il frontale curvo.

Angolo pantoscopico: è l’ angolo formato dal frontale della montatura e dalle aste. Maggiore è questo angolo, maggiore è l’ inclinazione del frontale rispetto alle aste.

DAL (distanza apice corneale lente): è la distanza tra l’ apice della cornea e la superficie posteriore della lente e dipende da come calza la montatura.

Peso: considerare il peso di una montatura è importante ai fini del comfort di utilizzo e bisogna tenere conto anche del peso delle lenti per avere un buon risultato finale.

Lunghezza e spessore delle aste: le astine servono per calzare l’ occhiale e appoggiano sulle orecchie. Sono attaccate al frontale con una vite. Alcune hanno una cerniera flessibile.

A seconda del tipo di montatura esistono astine più lunghe o più corte, più spesse o più sottili, più leggere o più pesanti. La parte terminale delle aste, quella che gira dietro l’ orecchio, si può allargare o stringere per modificare la calzata della montatura.

Appoggio: con il termine appoggio intendiamo come la montatura calza sul viso e dobbiamo verificare che non sia troppo larga o stretta.

Perché i parametri sono importanti

I parametri delle montature sono importanti perché da essi dipende il lavoro finale. In base alla gradazione di una lente dobbiamo scegliere una montatura che dia uno spessore e un peso ottimale.

Ad esempio calibri o ponti troppo grandi generano lenti molto spesse ai bordi in caso di miopia elevata, o al centro in caso di ipermetropia alta.

Allo stesso modo forme particolari tendono a concentrare lo spessore in un punto della lente, mentre forme più regolari originano spessori più uniformi.

Lenti calcolate sui parametri della montatura

Le lenti più avanzate e moderne, come le progressive personalizzate o le monofocali evolute , tengono conto dei parametri della montatura in posizione d’ uso, cioè quando viene indossata.

Nell’ ordine delle lenti si inserisce il valore della DAL (distanza apice corneale-lente), il valore dell’ angolo pantoscopico e quello dell’ angolo di avvolgimento.

La lente viene calcolata e costruita considerando questi parametri, quindi è molto precisa ed efficiente, perciò la visione attraverso di essa è migliore.

Precalibratura

La misura del calibro del frontale della montatura ci permette di ordinare una lente precalibrata.

Ciò significa che la lente non è costruita rotonda e poi tagliata, ma viene realizzata già sulla base della forma del frontale della montatura.

In questo modo possiamo ridurre di molto lo spessore e il peso della lente, ottenendo un risultato migliore sia estetico che funzionale.

Basta disturbi visivi! Contattaci per una consulenza

About the Author: Ottica Bianchi Lucia

You May Also Like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *